Consulenza psicologica

cos’è?

La consulenza psicologica è una specifica modalità di intervento dello psicologo che lavora in un percorso di alcuni incontri per definire la problematica portata dal cliente e, con essa, le possibili risorse nell’affrontarla. È il tempo e il luogo per una prima restituzione di senso che apra il problema a molteplici possibilità di lettura e di cambiamento. Lo psicologo non dà soluzioni, piuttosto mette il cliente/paziente nelle condizioni di poterle pensare. La consulenza psicologica è lo spazio-tempo in cui è possibile accogliere la problematica portata dal cliente, identificare alcune connessioni fra il problema specifico e il più ampio contesto di vita della persona e individuare, insieme al cliente, le risorse per poter raggiungere gli obiettivi desiderati. La consulenza psicologica si attua generalmente in un numero definito di incontri a seguito dei quali il cliente può decidere quali strategie adottare, compreso se avvalersi o meno di un successivo percorso di sostegno psicologico o di psicoterapia.

Un percorso di consulenza psicologica è uno spazio di relazione, uno scambio dialogico, in cui la persona può rivestire di senso e significato “il problema” portato: ogni criticità che incontriamo, per quanto apparentemente “muta” possa sembrarci, ha sempre qualcosa di utile da segnalarci riguardo ai nostri contesti e ai nostri obiettivi di vita; può darsi che, talvolta, occorra fermarsi per mettere ordine e fare chiarezza su quello che realmente si vuole.

Come funziona? 

Per conoscere quali sono gli step necessari è possibile consultare Protocollo Primo Accesso, dove vengono spiegate e riportatate le modalità di espletamento del servizio. 

È possibile richiedere una consulenza tramite l’area contatti.