Il gioco è comunicazione

I bambini comunicano attraverso il gioco 

Il gioco dei bambini può essere apprezzato in modo più completo se riconosciuto come il loro mezzo naturale di comunicazione. I bambini si esprimono in modo più completo e diretto attraverso il gioco spontaneo e auto-iniziato di quanto non facciano verbalmente, questo perché sono più a loro agio con il gioco. 

Per i bambini “mettere in scena” le loro esperienze e i loro sentimenti è il processo dinamico e di autoguarigione più naturale in cui possono impegnarsi. 

Il gioco è un mezzo di scambio e limitare i bambini all’espressione verbale pone automaticamente una barriera a una relazione terapeutica imponendo limitazioni che in effetti dicono ai bambini: “Devi arrivare al mio livello di comunicazione e comunicare con le parole”. 

La responsabilità del terapeuta è di andare al livello di un bambino e comunicare con i bambini attraverso il mezzo con cui si sentono a proprio agio. 

Una relazione di lavoro terapeutica con i bambini si instaura al meglio attraverso il gioco, e la relazione è cruciale per l’attività che chiamiamo terapia. Il gioco fornisce un mezzo attraverso il quale i conflitti possono essere risolti e i sentimenti possono essere comunicati. 

“I giocattoli implementano il processo perché sono sicuramente il mezzo di espressione del bambino. Il suo gioco libero è l’espressione di ciò che vuole fare. Quando gioca liberamente e senza direzione, sta esprimendo un periodo di indipendenza pensiero e azione. Sta rilasciando i sentimenti e gli atteggiamenti che lo hanno spinto ad uscire allo scoperto” (Axline, 1969, p. 23). 

I sentimenti e gli atteggiamenti che potrebbero essere troppo minacciosi per essere espressi direttamente dal bambino possono essere proiettati in sicurezza attraverso giocattoli scelti da sé. Invece di verbalizzare pensieri e sentimenti, un bambino può seppellire nella sabbia, sparare al drago o sculacciare la bambola che rappresenta il fratellino. 

I sentimenti dei bambini sono spesso inaccessibili a livello verbale. Dal punto di vista dello sviluppo, mancano della capacità cognitiva e verbale per esprimere ciò che provano ed emotivamente non sono in grado di concentrarsi sull’intensità di ciò che provano in un modo che possa essere espresso adeguatamente in uno scambio verbale. 

Sappiamo dalla ricerca di eminenti scienziati che si sono occupati di sviluppo, come Piaget (1962) che i bambini non sono in grado di impegnarsi completamente in ragionamenti o pensieri astratti fino all’età di circa 11 anni. 

Le parole sono fatte di simboli e i simboli sono astrazioni. Non c’è da stupirsi, quindi, che così tanto di ciò che cerchiamo di comunicare verbalmente sia di natura astratta. 

Il mondo del bambino è un mondo di concreti e come tale va affrontato se si vuole stabilire un contatto con il bambino. Il gioco è l’espressione concreta del bambino ed è il modo in cui il bambino affronta il suo mondo. 

I bambini vivono nel mondo del presente; tuttavia, molte delle esperienze che incontrano nel mondo degli adulti sono orientate al futuro e astratte. Quando i bambini rievocano queste esperienze astratte e orientate al futuro attraverso il gioco, diventano eventi “qui e ora” concreti che consentono loro di dare un senso all’astratto alle loro condizioni. Man mano che i bambini mettono in scena queste esperienze, ciò che non è familiare diventa familiare. 

Articolo a cura del: 
Dott. Samuele Russo – Psicologo, Psicoterapeuta, Psicoterapeuta EMDR, specialista in Psicologia Pediatrica

Bibliografia: 

Landreth, G. L. (2012). Play therapy: The art of the relationship. Routledge.

Richiesta consulenza

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Nome e Cognome del genitore/caregiver
Nome e Cognome del minore per il quale si richiede la consulenza