Il significato del gioco

I bambini devono essere avvicinati e compresi da una prospettiva evolutiva. Non sono adulti in miniatura. Il loro mondo è una realtà concreta e le loro esperienze spesso vengono comunicate attraverso il gioco. Nel cercare di facilitare l’espressione dei bambini e l’esplorazione del loro mondo emotivo, i genitori devono liberarsi del loro mondo della realtà e dell’espressione verbale e spostarsi nel mondo concettuale-espressivo dei bambini. A differenza degli adulti, il cui mezzo naturale di comunicazione è la verbalizzazione, il mezzo naturale di comunicazione per i bambini è il gioco e l’attività. 

Funzioni del gioco 

L’importanza universale del gioco per lo sviluppo naturale e l’integrità dei bambini è stata sottolineata dalla proclamazione delle Nazioni Unite del gioco come diritto universale e inalienabile dell’infanzia. Il gioco è la singolare attività centrale dell’infanzia, che si verifica in ogni momento e in ogni luogo. I bambini non hanno bisogno di imparare a giocare, né di farli giocare. Il gioco è spontaneo, di solito divertente, volontario e non diretto a un obiettivo. 

Nella loro spinta ad avere successo e ad accelerare il processo di crescita, molti adulti non possono tollerare “la perdita di tempo dei bambini giocando”. L’atteggiamento è che i bambini devono realizzare qualcosa o lavorare per raggiungere un obiettivo importante accettabile per gli adulti. 

È deplorevole che il gioco sia stato identificato da molti scrittori come un lavoro per bambini. Questo sembra essere uno sforzo per rendere in qualche modo legittimo il gioco, insinuando che il gioco può essere importante solo se si adatta in qualche modo a ciò che gli adulti considerano importante nel loro mondo. 

Proprio come l’infanzia ha un valore intrinseco e non è semplicemente una preparazione all’età adulta, così il gioco ha un valore intrinseco e non dipende da ciò che può seguire per importanza. 

A differenza del lavoro, che è focalizzato sull’obiettivo e diretto alla realizzazione o al completamento di un compito assecondando le richieste dell’ambiente circostante, il gioco è intrinsecamente completo, non dipende dalla ricompensa esterna e assimila il mondo in modo che corrisponda ai concetti del bambino , come nel caso di un bambino che usa un cucchiaio come macchina. 

Frank (1982) ha suggerito che il gioco è il modo in cui i bambini imparano ciò che nessuno può insegnargli. È il modo in cui esplorano e si orientano verso il mondo reale dello spazio e del tempo, delle cose, degli animali, delle strutture e delle persone. 

Impegnandosi nel processo di gioco, i bambini imparano a vivere nel nostro mondo di significati e valori, allo stesso tempo esplorando, sperimentando e imparando a modo loro. 

Secondo Woltmann (1964): Le attività spontanee e autogenerate del bambino gli consentono di concettualizzare, strutturare e portare a livelli tangibili di attività le sue esperienze e i sentimenti di cui le investe. Il gioco, in questo senso, fornisce al bambino occasioni per “mettere in scena” situazioni che lo disturbano, contrastano e confondono. 

Il bambino piccolo soprattutto manca di fluidità semantica poiché lo sviluppo dei suoi processi appercettivi è in uno stato di crescita e così vari tipi di materiali di gioco sembrano essere ideali per l’espressione dei suoi sentimenti e atteggiamenti. 

Al di sotto dei 10-11 anni, la maggior parte dei bambini ha difficoltà a stare seduti fermi per periodi di tempo prolungati. Un bambino piccolo deve fare uno sforzo consapevole per stare fermo, e quindi l’energia creativa viene consumata nel concentrarsi su un’attività non produttiva. 

La terapia del gioco soddisfa il bisogno dei bambini di essere fisicamente attivi. Nel gioco, i bambini scaricano energia, si preparano ai doveri della vita, raggiungono obiettivi difficili e alleviano le frustrazioni. Ottengono un contatto fisico, soddisfano i loro bisogni di competere, agiscono l’aggressività in modi socialmente accettabili e imparano ad andare d’accordo con gli altri. 

Il gioco aiuta i bambini a dare libero sfogo alla loro immaginazione, ad apprendere i simboli della loro cultura e a sviluppare abilità (Papalia & Olds, 1986). Mentre i bambini giocano, esprimono l’individualità della loro personalità e attingono alle risorse interiori che possono essere incorporate nella loro personalità. 

Articolo a cura del: 
Dott. Samuele Russo – Psicologo, Psicoterapeuta, Psicoterapeuta EMDR, specialista in Psicologia Pediatrica

Bibliografia: 

Landreth, G. L. (2012). Play therapy: The art of the relationship. Routledge.

Richiesta consulenza

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Nome e Cognome del genitore/caregiver
Nome e Cognome del minore per il quale si richiede la consulenza