L’impatto psicologico della quarantena e come ridurlo

La quarantena è la separazione e la restrizione del movimento delle persone potenzialmente esposte a una malattia contagiosa per accertare se si ammalano, riducendo così il rischio di infettare gli altri. Differisce dall’isolamento, che è la separazione delle persone che hanno una malattia contagiosa, da persone che non sono malate.

La quarantena è spesso un’esperienza spiacevole per coloro che la subiscono. La separazione dai propri cari, la perdita di libertà, l’incertezza sullo stato della malattia e la noia possono, a volte, creare effetti drammatici. Sono stati segnalati suicidio, rabbia sostanziale generata e azioni legali avviate in seguito all’imposizione della quarantena nei precedenti focolai.

Messaggi chiave: 

  • L’informazione è la chiave; le persone in quarantena devono comprendere la situazione
  • È essenziale una comunicazione efficace e rapida
  • È necessario fornire materiali di consumo (sia generali che medici)
  • Il periodo di quarantena dovrebbe essere breve e la durata non dovrebbe essere modificato se non in circostanze estreme
  • La maggior parte degli effetti negativi deriva dall’imposizione di una restrizione di libertà; quarantena volontaria è associata con meno stress e meno complicazioni a lungo termine
  • I funzionari della sanità pubblica dovrebbero sottolineare l’altruista scelta di chi si auto-isola.  

Cinque studi hanno confrontato i risultati psicologici per le persone in quarantena con quelle non in quarantena. Uno studio sul personale ospedaliero che potrebbe essere entrato in contatto con la SARS e per questo messo in quarantena, ha scoperto che subito dopo la fine del periodo di quarantena (9 giorni), esso rappresentava il fattore più predittivo dei sintomi del disturbo da stress acuto. Nello stesso studio, il personale in quarantena aveva significativamente più probabilità di riferire esaurimento, distacco dagli altri, ansia quando si tratta di pazienti febbrili, irritabilità, insonnia, scarsa concentrazione e indecisione, deterrenza nelle prestazioni lavorative e riluttanza al lavoro o considerazione delle dimissioni. 

In un altro studio, l’effetto di essere messo in quarantena era un fattore predittivo di sintomi post traumatici da stress nei dipendenti ospedalieri anche 3 anni dopo. Circa il 34% (938 su 2760) dei proprietari di cavalli messi in quarantena per diverse settimane a causa di un’epidemia di influenza equina ha riferito di un elevato disagio psicologico durante l’epidemia, rispetto a circa il 12% nella popolazione generale australiana.

Uno studio che confronta i sintomi post-traumatici da stress nei genitori e i bambini messi in quarantena con quelli non in quarantena hanno scoperto che i punteggi medi di stress post-traumatico erano quattro volte più alti nei bambini che erano stati messi in quarantena rispetto a quelli che non erano stati messi in quarantena. Il 28% (27 su 98) dei genitori messi in quarantena in questo studio ha riportato sintomi sufficienti per giustificare una diagnosi di un disturbo traumatizzante della salute mentale, rispetto al 6% (17 di 299) dei genitori che non sono stati messi in quarantena. 

Un altro studio del personale ospedaliero ha esaminato i sintomi della depressione 3 anni dopo la quarantena e ha scoperto che il 9% (48 su 549) dell’intero campione ha riportato sintomi depressivi elevati. Nel gruppo con sintomi depressivi elevati, quasi il 60% (29 su 48) era stato messo in quarantena, ma solo il 15% (63 su 424) del gruppo con sintomi depressivi bassi era stato messo in quarantena. 

Tutti gli altri studi quantitativi hanno esaminato solo coloro che erano stati messi in quarantena e hanno generalmente riportato un’alta prevalenza di sintomi di disagio e disturbo psicologico. Le persone in quarantena a causa del contatto ravvicinato con coloro che potenzialmente hanno la SARS hanno riportato varie risposte negative durante il periodo di quarantena: oltre il 20% (230 su 1057) ha riferito paura, il 18% (187) ha riferito nervosismo, il 18% (186) ha riferito tristezza, e il 10% (101) ha dichiarato colpevolezza. Pochi hanno riportato sentimenti positivi: il 5% (48) ha riferito di sentimenti di felicità e il 4% (43) ha riferito di sentimenti di sollievo. Gli studi qualitativi hanno anche identificato una serie di altre risposte psicologiche alla quarantena, come confusione, paura, rabbia, dolore, intorpidimento e insonnia indotta dall’ansia.

Uno studio ha confrontato i laureandi che erano stati messi in quarantena con quelli non in quarantena immediatamente dopo il periodo di quarantena e non ha trovato alcuna differenza significativa tra i gruppi in termini di sintomi post-traumatici da stress o problemi generali di salute mentale. Tuttavia, l’intera popolazione di studio era costituita da studenti universitari (che sono generalmente giovani, e forse hanno meno responsabilità rispetto agli adulti che lavorano a tempo pieno) e quindi è possibile che queste conclusioni non possano essere generalizzate alla popolazione più ampia. 

Dopo la quarantena, molti partecipanti hanno continuato a  presentare comportamenti di evitamento. Per gli operatori sanitari in quarantena è stato significativamente e positivamente associato a comportamenti di evitamento, come la riduzione al minimo del contatto diretto con i pazienti e la mancata segnalazione al lavoro. 

Uno studio di persone in quarantena a causa del potenziale contatto con la SARS ha rilevato che il 54% (524 su 1057) delle persone che erano state messe in quarantena evitava le persone che tossivano o starnutivano, il 26% (255) evitava luoghi chiusi affollati e il 21% (204) evitato tutti gli spazi pubblici nelle settimane successive al periodo di quarantena. Uno studio qualitativo ha riferito che diversi partecipanti hanno descritto cambiamenti comportamentali a lungo termine dopo il periodo di quarantena, come un attento lavaggio delle mani e l’elusione della folla e, per alcuni, il ritorno alla normalità è stato ritardato di molti mesi.

Vi sono state prove contrastanti per stabilire se le caratteristiche e la demografia dei partecipanti fossero predittive dell’impatto psicologico della quarantena. 

Uno studio su proprietari di cavalli in quarantena a causa dell’influenza equina ha identificato diverse caratteristiche associate a impatti psicologici negativi: età più giovane (16-24 anni), livelli più bassi di titoli di studio, genere femminile e l’avere un figlio rispetto al non avere nessun bambino (sebbene avere tre o più bambini sembrava in qualche modo protettivo). Tuttavia, un altro studio ha suggerito che fattori demografici quali stato civile, età, istruzione, convivenza con altri adulti e avere figli non erano associati a esiti psicologici.

Avere una storia di malattia psichiatrica era associato all’esperienza di ansia e rabbia 4–6 mesi dopo  il rilascio dalla quarantena. 

Gli operatori sanitari che erano stati messi in quarantena avevano sintomi più gravi di stress post traumatico rispetto ai membri del pubblico che erano stati messi in quarantena, segnando un punteggio significativo più alto su tutte le dimensioni. Gli operatori sanitari hanno anche avvertito una maggiore stigmatizzazione rispetto al grande pubblico e hanno mostrato maggiori comportamenti di evitamento dopo la quarantena; hanno anche riportato maggiori perdite di reddito e sono stati costantemente più colpiti psicologicamente: hanno riportato sostanzialmente più rabbia, fastidio, paura, frustrazione, senso di colpa, impotenza, isolamento, solitudine, nervosismo, tristezza, preoccupazione ed erano meno felici. Anche gli operatori sanitari avevano sostanzialmente maggiori probabilità di pensare di avere la SARS e di preoccuparsi di infettare gli altri. Al contrario, un’altro studio ha suggerito che lo status di operatore sanitario non era associato a risultati psicologici.

GLI STRESSOR DURANTE LA QUARANTENA:

  • Durata della quarantena

Tre studi hanno dimostrato che periodi più lunghi di quarantena erano associati in particolare a problemi di salute mentale più precisi, sintomi di stress post-traumatico, comportamenti di evitamento e rabbia. Sebbene la durata della quarantena non fosse sempre chiara, uno studio ha dimostrato che i soggetti messi in quarantena per più di 20 giorni, hanno mostrato sintomi post-traumatici da stress significativamente più alti rispetto a quelli in quarantena per meno di 10 giorni.

  • Paure dell’infezione

I partecipanti a otto studi hanno riportato paure sulla propria salute o paure di trasmettere l’infezione ad altri; ed erano più propensi a temere di infettare i familiari rispetto ai soggetti non in quarantena. Inoltre risultavano essere particolarmente preoccupati nel caso in cui manifestavano sintomi fisici potenzialmente correlati all’infezione. Al contrario, uno studio ha scoperto che sebbene pochissimi partecipanti fossero estremamente preoccupati di contrarre o trasmettere il virus per gli altri, quelli che erano preoccupati tendevano ad essere donne incinte e quelli con bambini piccoli. 

  • Frustrazione e noia

Il confinamento, la perdita della solita routine e il ridotto contatto sociale e fisico con gli altri sono stati spesso indicati come causa di noia, frustrazione e senso di isolamento dal resto del mondo, il che è stato angosciante per i partecipanti. Questa frustrazione è stata esacerbata dal fatto di non poter prendere parte alle normali attività quotidiane, come fare acquisti per le necessità di base o prendere parte alle attività di social network tramite telefono o Internet.

  •  Forniture inadeguate

Avere rifornimenti di base inadeguati (ad es. cibo, acqua, vestiti o alloggio) durante la quarantena è stato fonte di frustrazione e ha continuato ad essere associato con ansia e rabbia fino 4–6 mesi dopo il rilascio. Sono anche state rilevate come problema l’incapacità di ricevere cure mediche regolari e le prescrizioni. Quattro studi hanno scoperto che le forniture delle autorità sanitarie pubbliche erano insufficienti. I partecipanti hanno riferito di aver ricevuto le loro maschere e termometri in ritardo o per niente; cibo, acqua e altre sostanze sono state distribuite in modo intermittente; e le forniture di cibo hanno impiegato molto tempo per arrivare. Anche se quelli messi in quarantena durante l’epidemia della SARS di Toronto hanno elogiato le autorità sanitarie pubbliche per la consegna di kit di forniture mediche all’inizio del periodo di quarantena, non ricevevano generi alimentari o altre forniture di routine necessarie per la vita quotidiana. 

  • Informazioni inadeguate

Molti partecipanti hanno citato la scarsa informazione fornita dalle autorità di sanità pubblica come fattori di stress, riportando linee guida chiare e insufficienti sulle azioni da intraprendere e confusione sullo scopo della quarantena. Dopo l’epidemia di SARS a Toronto, i partecipanti hanno percepito che la confusione derivava dalle differenze di stile, approccio e contenuto di vari messaggi di sanità pubblica a causa della scarsa coordinazione tra le diverse giurisdizioni e livelli di governo coinvolti. La mancanza di chiarezza sui diversi livelli di rischio, in particolare, ha portato i partecipanti a temere il peggio. I partecipanti hanno anche riferito di una percepita mancanza di trasparenza da parte della salute e dei funzionari governativi sulla gravità della pandemia. Forse correlata alla mancanza di linee guida chiare o motivazioni, la difficoltà percepita nell’adempiere ai protocolli di quarantena era un fattore predittivo significativo dei sintomi di stress post-traumatico in uno studio. 

STRESSOR POST-QUARANTENA

  •  La finanza

La perdita finanziaria può essere un problema durante la quarantena, con persone che non sono in grado di lavorare e che devono interrompere le loro attività professionali senza una pianificazione avanzata; gli effetti sembrano durare a lungo. Negli studi esaminati, la perdita finanziaria a causa della quarantena ha creato un grave disagio socioeconomico e si è scoperto che era un fattore di rischio per i sintomi di disturbi psicologici come la rabbia e l’ansia anche diversi mesi dopo la quarantena. Uno studio ha scoperto che gli intervistati che erano stati messi in quarantena a causa dell’influenza equina, la cui principale fonte di reddito proveniva da un’industria collegata, aveva il doppio delle probabilità di avere un disagio elevato rispetto a quelli il cui reddito non proveniva dall’industria. Questa scoperta è probabilmente legata agli effetti economici, ma potrebbe anche essere correlata all’interruzione delle reti sociali e alla perdita di attività ricreative. Uno studio su persone in quarantena a causa del potenziale contatto con l’Ebola ha rilevato che, sebbene i partecipanti abbiano ricevuto assistenza finanziaria, alcuni hanno ritenuto che l’importo fosse insufficiente e che fosse arrivato troppo tardi; molti si sono sentiti in errore poiché l’assistenza ricevuta non ha coperto le spese professionali in corso. Molti sono diventati dipendenti dalla loro famiglia che ha provveduto loro finanziariamente durante la quarantena, questo era, spesso, difficile da accettare e poteva causare conflitti. In uno studio, i soggetti che erano stati messi in quarantena a Toronto durante la SARS, hanno riportato molte difficoltà finanziarie perché i datori di lavoro o il governo li hanno compensati, ma laddove il rimborso era lento, ciò ha causato difficoltà a coloro che erano meno abbienti dal punto di vista finanziario.

  • Stigma

Lo stigma degli altri è stato un tema importante in tutta la letteratura. In un confronto tra operatori sanitari in quarantena rispetto a quelli non in quarantena, erano in 9 i partecipanti in quarantena significativamente con più probabilità di segnalare stigmatizzazione e rifiuto da parte delle persone nei loro quartieri locali, suggerendo che c’è uno stigma che circonda specificamente persone che erano state messe in quarantena. I partecipanti a diversi studi hanno riferito che venivano trattati in modo diverso dagli altri, erano infatti presenti condotte sociali relative a: evitarli, ritirare gli inviti sociali, trattarli con paura e sospetto e fare commenti critici. 
Diversi operatori sanitari coinvolti nell’epidemia di Ebola in Senegal hanno riferito che la quarantena aveva portato le loro famiglie a considerare i loro lavori troppo rischiosi, creando tensioni interne alle famiglie. Nello stesso studio, tre partecipanti hanno riferito di non essere in grado di riprendere il lavoro dopo la fine della sorveglianza perché i loro datori di lavoro hanno espresso timore di contagio.  Quelli messi in quarantena durante l’epidemia di Ebola in Liberia riferirono che lo stigma poteva portare alla privazione del diritto di minoranza all’interno della comunità poiché si diceva spesso che le famiglie in quarantena appartenessero a diversi gruppi etnici, tribù o religioni e che fossero percepite come pericoloso perché erano diversi. Forse a causa di questo stigma, essere messi in quarantena ha portato i partecipanti a questo studio a mantenere segrete le malattie facilmente curabili, non legate all’ebola, evitando di cercare aiuto. L’educazione generale sulla malattia e le motivazioni per la quarantena e le informazioni sulla salute pubblica fornite al pubblico possono essere utili per ridurre la stigmatizzazione, mentre potrebbero essere utili anche informazioni più dettagliate destinate alle scuole e ai luoghi di lavoro. Potrebbe anche darsi che i resoconti dei media contribuiscano a stigmatizzare gli atteggiamenti del grande pubblico; i media hanno una forte influenza sugli atteggiamenti pubblici e titoli drammatici contribuiscono a stigmatizzare atteggiamenti come in passato (ad esempio, durante l’epidemia di SARS) . Questo problema evidenzia la necessità che i funzionari della sanità pubblica forniscano rapidi, chiari messaggi inviati in modo efficace a tutta la popolazione interessata per promuovere una comprensione accurata della situazione. 

COSA SI PUÒ FARE PER MITIGARE LE CONSEGUENZE DELLA QUARANTENA?

Durante i maggiori focolai di malattie infettive, la quarantena può essere una misura preventiva necessaria. Tuttavia, questa recensione suggerisce che la quarantena è spesso associata a un effetto psicologico negativo. Durante il periodo di quarantena questo effetto psicologico negativo non sorprende, tuttavia l’evidenza che un effetto psicologico della quarantena può ancora essere rilevato mesi o anni dopo, anche se da un piccolo numero di studi è più preoccupante al riguardo e suggerisce la necessità di garantire che misure di mitigazione efficaci siano messe in atto come parte del processo di pianificazione della quarantena. A questo proposito, i nostri risultati non forniscono evidenze del fatto che qualsiasi fattore di rischio particolare sia in grado di rilevare i fattori di scarsi risultati psicologici dopo la quarantena e pertanto richiedono un’attenzione specifica. Tuttavia, la storia della malattia mentale è stata esaminata come fattore di rischio da uno studio. La letteratura precedente suggerisce che la storia psichiatrica è associata a disagio psicologico dopo aver subito un trauma correlato a un disastro ed è probabile che le persone con preesistente cattiva salute mentale necessitino di un sostegno aggiuntivo durante la quarantena. 
È emersa anche una presunta discrezione della direzione psicologica negli operatori sanitari in quarantena, sebbene esistessero prove contrastanti sul fatto che questo gruppo avesse un rischio più elevato di sofferenza rispetto agli operatori non sanitari in quarantena. Per gli operatori sanitari, il supporto da parte dei dirigenti è essenziale per facilitare il loro ritorno al lavoro e i dirigenti dovrebbero essere consapevoli dei potenziali rischi per il personale che è stato messo in quarantena in modo che possano prepararsi per un intervento precoce. Limitare la durata della quarantena a ciò che è scientificamente ragionevole data la durata nota dei periodi di incubazione, e non adottare un approccio eccessivamente precauzionale a questo, minimizzerebbe l’effetto sulle persone. Le prove provenienti da altre parti sottolineano anche l’importanza delle autorità che aderiscono alla loro lunghezza di quarantena raccomandata e non la estendono. Per le persone già in quarantena, un’estensione, non importa quanto piccola, rischia di esacerbare qualsiasi senso di frustrazione o demoralizzazione. Imporre un cordone indefinito su intere città senza un chiaro limite di tempo (come è stato visto a Wuhan, in Cina) potrebbe essere più dannoso delle procedure di quarantena applicate rigorosamente limitate al periodo di incubazione.

  • Dai alla gente quante più informazioni possibili

Le persone in quarantena spesso temevano di essere infettate o di infettare gli altri. Spesso hanno anche valutazioni catastrofiche di eventuali sintomi fisici riscontrati durante il periodo di quarantena. Questa paura è un evento comune per le persone esposte a una preoccupante malattia infettiva, e potrebbe essere esacerbata dalle informazioni spesso inadeguate che i partecipanti hanno riferito di aver ricevuto da funzionari della sanità pubblica lasciandoli poco chiari sulla natura dei rischi che hanno affrontato e sul motivo per cui sono stati messi in quarantena tutti. Garantire che le persone in quarantena abbiano una buona comprensione della malattia in questione e le ragioni della quarantena dovrebbero essere una priorità.

  • Fornire forniture adeguate

I funzionari devono inoltre garantire che le famiglie in quarantena dispongano di scorte sufficienti per le loro necessità di base e, cosa importante, devono essere fornite il più rapidamente possibile. Il coordinamento per la fornitura di forniture dovrebbe idealmente avvenire in anticipo, con piani di conservazione e riallocazione stabiliti per garantire che le risorse non si esauriscano.

  • Ridurre la noia e migliorare la comunicazione

La noia e l’isolamento causeranno angoscia; le persone in quarantena dovrebbero essere informate su cosa possono fare per evitare la noia e ricevere consigli pratici sulle tecniche di gestione dello stress e di gestione. Avere un telefono cellulare funzionante ora è una necessità, non un lusso, e coloro che affrontano un lungo volo per entrare in quarantena probabilmente accetteranno un caricabatterie o un adattatore più di ogni altra cosa. Attivare il tuo social network, anche se da remoto, non è solo una chiave prioritaria, ma l’incapacità di farlo è associata non solo a un’ansia immediata, ma a un disagio a lungo termine rispetto alla possibilità di accedere alla rete sociale. 
Anche la capacità di comunicare con la famiglia e gli amici è essenziale. In particolare, i social media potrebbero svolgere un ruolo importante nella comunicazione con quelli lontani, consentendo alle persone in quarantena di aggiornare i loro cari sulla loro situazione e rassicurarli che stanno bene.  Pertanto, fornire a coloro che sono messi in quarantena con telefoni cellulari, cavi di ricarica per dispositivi di ricarica e semplici reti WiFi con accesso a Internet per consentire loro di comunicare direttamente con i propri cari potrebbe ridurre i sentimenti di isolamento, stress e panico.
Sebbene ciò sia possibile da ottenere in quarantena forzata, esso potrebbe essere più difficile in caso di diffusione di una sede domestica, i paesi che impongono censure sui social media e applicazioni di messaggistica potrebbero anche presentare difficoltà nel garantire linee di comunicazione tra coloro che sono in quarantena e i loro cari. È anche importante che i funzionari della sanità pubblica mantengano chiare linee di comunicazione con le persone messe in quarantena su cosa fare in caso di sintomi. Una linea telefonica o un servizio online appositamente predisposto per coloro che sono in quarantena e dotati di personale sanitario in grado di fornire istruzioni su cosa fare in caso di sviluppo di sintomi di malattia, aiuterebbero a rassicurare le persone che saranno curate se si ammalano. Questo servizio mostrerebbe a coloro che sono messi in quarantena che non sono stati dimenticati e che le loro esigenze di salute sono importanti tanto quanto quelle del grande pubblico. I benefici di una tale risorsa non sono stati studiati, ma è probabile che la rassicurazione possa successivamente diminuire sentimenti come paura, preoccupazione e rabbia. Vi sono prove che suggeriscono che possono essere utili gruppi di supporto specifici per le persone che sono state messe in quarantena a casa durante l’epidemia. Uno studio ha scoperto che avere un tale gruppo e sentirsi in contatto con altri che avevano attraversato la stessa situazione potrebbe essere un’esperienza di convalida e di potenziamento e in grado di fornire alle persone il supporto che potrebbero scoprire di non ricevere da altre persone.

  • Gli operatori sanitari meritano un’attenzione particolare

Gli stessi operatori sanitari sono spesso messi in quarantena e questa recensione suggerisce che, come il grande pubblico, sono influenzati negativamente dagli atteggiamenti stigmatizzanti degli altri. Nessuno degli studi inclusi in questa recensione si è concentrato sulle percezioni dei loro colleghi, ma questo sarebbe un aspetto interessante da esplorare. È anche possibile che gli operatori sanitari in quarantena possano essere preoccupati di causare una carenza di personale nei loro luoghi di lavoro e di causare lavoro extra per i loro colleghi e che le percezioni dei loro colleghi possano essere particolarmente importanti. Essere separati da una squadra con cui sono abituati a lavorare a stretto contatto potrebbe aggiungere un senso di isolamento per gli operatori sanitari in quarantena. Pertanto, è essenziale che si sentano supportati dai loro colleghi immediati. Durante le epidemie di malattie infettive, è stato scoperto che il supporto organizzativo è protettivo della salute mentale per il personale sanitario in generale e che i dirigenti dovrebbero prendere provvedimenti per garantire che i loro membri del personale sostengano i loro colleghi in quarantena.

  • L’altruismo è meglio della costrizione 

Forse a causa delle difficoltà nel progettare uno studio adeguato, non è stata trovata alcuna ricerca che abbia verificato se la quarantena obbligatoria contro la quarantena volontaria abbia un effetto differenziale sul benessere. In altri contesti, tuttavia, la sensazione che gli altri trarranno beneficio dalla propria situazione può rendere le situazioni stressanti più facili da sopportare e sembra probabile che ciò sia vero anche per la quarantena di origine domestica. Rafforzare che la quarantena sta aiutando a proteggere gli altri, compresi quelli particolarmente vulnerabili (come quelli che sono molto giovani, anziani o con preesistenti condizioni mediche gravi) e che le autorità sanitarie sono loro sinceramente grati, può solo aiutare a ridurre l’effetto sulla salute mentale e aderenza in quelli in quarantena. In particolare, l’altruismo ha i suoi limiti se alle persone viene chiesto di mettere in quarantena senza informazioni adeguate su come mantenere le persone con cui vivono in sicurezza. È inaccettabile chiedere alle persone di auto-quarantena per il beneficio della salute della comunità, quando nel frattempo potrebbero mettere a rischio i propri cari.

  • Quello che non sappiamo

La quarantena è una delle numerose misure di salute pubblica per prevenire la diffusione di una malattia infettiva e, come mostrato in questa recensione, ha un notevole impatto psicologico per le persone colpite. Pertanto, vi è la questione se altre misure di salute pubblica che impediscono la necessità di imporre la quarantena (come il distanziamento sociale, la cancellazione di raduni di massa e la chiusura delle scuole) possano essere più favorevoli. Sono necessarie ricerche future per stabilire l’efficacia di tali misure. I punti di forza e le limitazioni di questa recensione devono essere considerati. A causa dei vincoli temporali di questa Revisione a causa dell’epidemia di coronavirus in corso, la letteratura rivista non è stata sottoposta a valutazione formale della qualità.
Le raccomandazioni che abbiamo formulato si applicano principalmente a piccoli gruppi di persone in strutture dedicate e in una certa misura all’autoisolamento. Sebbene prevediamo che molti dei fattori di rischio per scarsi risultati psicosociali sarebbero gli stessi per i processi di contenimento più ampi (come intere città o città), è probabile che vi siano differenze distinte in tali situazioni, il che significa che le informazioni presentate in questa recensione dovrebbero essere applicate solo con cautela a tali situazioni. Inoltre, devono essere considerate le potenziali differenze culturali. Sebbene questa recensione non possa prevedere esattamente cosa accadrà o fornire raccomandazioni che funzioneranno per ogni futura popolazione messa in quarantena, abbiamo fornito una panoramica delle questioni chiave e di come potrebbero essere corrette in futuro. Ci sono anche diversi limiti della letteratura rivista, che devono essere evidenziati: solo uno studio ha seguito i partecipanti nel tempo, le dimensioni dei campioni erano generalmente piccole, pochi studi hanno confrontato direttamente i partecipanti in quarantena con quelli non in quarantena, conclusioni basate su determinate popolazioni di studio (ad es. studenti) potrebbe non essere generalizzabile a un pubblico più vasto e l’eterogeneità delle misure di esito negli studi rende difficile il confronto diretto tra gli studi. 
Vale anche la pena sottolineare che una minoranza di studi ha valutato i sintomi dello stress post-traumatico utilizzando misure progettate per misurare il disturbo da stress post-traumatico, nonostante la quarantena non sia qualificata come trauma nella diagnosi di disturbo da stress post traumatico nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali.

CONCLUSIONI

L’impatto psicologico della quarantena è più ampio, sostanziale e può durare a lungo. Ciò non significa che la quarantena non debba essere utilizzata; gli effetti psicologici del non utilizzo della quarantena e della diffusione della malattia potrebbero essere peggiori. Tuttavia, privare le persone della loro libertà per il bene pubblico in generale è spesso controverso e deve essere gestito con cura. Se la quarantena è essenziale, i nostri risultati suggeriscono che i funzionari dovrebbero prendere ogni misura per garantire che questa esperienza sia il più tollerabile possibile per le persone. Ciò può essere ottenuto: raccontando alla gente cosa sta succedendo e perché, spiegando per quanto tempo continuerà, fornendo attività significative da svolgere durante la quarantena, fornendo una comunicazione chiara, garantendo forniture di base (come cibo, acqua e forniture mediche) sono disponibili e rafforzano il senso di altruismo che le persone dovrebbero, giustamente, provare. I funzionari sanitari incaricati dell’attuazione della quarantena, che per definizione sono impiegati e di solito con una ragionevole sicurezza del lavoro, dovrebbero anche ricordare che non tutti si trovano nella stessa situazione. Se l’esperienza di quarantena è negativa, i risultati di questa recensione suggeriscono che possono esserci conseguenze a lungo termine che colpiscono non solo le persone in quarantena, ma anche il sistema sanitario che ha amministrato la quarantena, i politici e i funzionari della sanità pubblica che l’hanno incaricata.

Liberamente tradotto da: S. Brooks et al., “The psychological impact of quarantine and how to reduce it: rapid review of the evidence”, Lancet, 395, 912–20, 2020. 

Traduzione a cura del dott. Samuele Russo 

Studio di Psicologia Clinica e Pediatrica - Dott. Samuele Russo - Via A. Gandusio, 40 - Roma - 00168
Psicologo –  Iscritto all’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana – Sez. A n° 8596 – p.Iva 05679800879
Copyright 2020